Sesto Campano // “comunità alloggio per minori” a Sesto Campano , la risposta del Sindaco e dei Consiglieri di maggioranza alla lettera aperta del Comitato di Roccapipirozzi

0
3

Il Sindaco, Renata Cicerone, e la Maggioranza composta da Lucio Fuoco, Romeo Giannini, Oreme Iannarelli, Elviro Integlia, Annamaria Macaro e Fausto Pescarino, sono vivamente soddisfatti della pubblica dichiarazione di apprezzamento dell’iniziativa fatta dal Comitato civico di Roccapipirozzi.

Il quale, si ricorda, in una lunga lettera aperta pubblicata il 3 aprile scorso su “Primo Piano Molise” ha testualmente affermato: “Siamo convinti della grande rilevanza sociale di un progetto di accoglienza per giovani extracomunitari”.

Allora Sindaco e Consiglieri cosa avete da dire in risposta al Comitato civico?

ADR: Che l’Amministrazione aveva visto bene e lungo. La scelta assunta è decisamente encomiabile tanto che lo stesso Comitato conviene circa la “grande rilevanza sociale del progetto”.

Il Comitato ha tenuto a precisare che esso non è politicizzato?

ADR: Ne prendiamo ben volentieri atto. Sicuramente esso è composto da persone perbene che in buona fede hanno fatto valere una diversa e legittima posizione sulla vicenda. Tuttavia il dubbio che alle loro spalle taluno cercasse altro non è parso destituito di consistenza. Ed il Comitato ci consenta: se non v’è alcuna ragione politica dietro le Vostre legittime posizioni, perché vi ostinate a chiedere con insistenza che il confronto si svolga nella sede massimamente politica: il Consiglio Comunale? E perché avete consentito ai rappresentanti dell’opposizione di impadronirsi, egemonizzandola, della Vostra posizione? V’è stato sicuramente qualche errore nel gestire la manifestazione; e gli esposti interrogativi vogliono costituire soltanto un monito per tutti noi, affinché in futuro ciascuno possa prestare maggiore attenzione ed esser più guardingo verso chi in tutte le maniere s’industria e si adopera, con ogni mezzo, per conferire un significato politico ad ogni iniziativa.

Ma il confronto col Comitato c’è stato o no? E’ vero che l’Amministrazione “non ha voluto incontrare i suoi concittadini e con loro cercare una degna soluzione”?

ADR: Sia ben chiaro. L’Amministrazione non vuole alimentare polemiche. Non lo ha mai voluto. Ma avverte insopprimibile il bisogno di ristabilire la verità dei fatti.

Gli incontri con i concittadini di Rocca vi sono stati e numerosi. Invero, l’Amministrazione comunale ha già ricevuto il Comitato; ha ascoltato le sue ragioni; ha spiegato le proprie; ha fornito tutte le rassicurazioni del caso circa la temporaneità dell’iniziativa e la provvisorietà della sistemazione ad oggi individuata, qualora la scelta fatta dovesse dimostrarsi poco felice. Ha chiarito perché l’iter di approvazione dell’iniziativa è stato relativamente celere:1) non era necessario bandire alcuna gara per concedere in locazione per un anno e mezzo soltanto parte di un edificio sino ad allora inutilizzata; 2) negli anni scorsi nessuno ha mai richiesto o mostrato interesse per la dismessa struttura in questione; 3) si è voluto evitare che la Cooperativa interessata, con la quale i primi contatti si erano avuti sul finire del 2011, decidesse di svolgere altrove il progetto in esame. Di più.

L’Amministrazione non solo non ha rifiutato il dialogo ma lo ha cercato. E la prova di quanto affermiamo è documentale: con nota del 19 marzo 2012, prot. n. 2012/00002236, il Comitato è stato inviato “ad indicare, un numero di 3 rappresentanti/portavoce” i quali avrebbero dovuto partecipare “al tavolo di confronto, da convocare a stretto giro di posta, con la scrivente Amministrazione Comunale ed il sig. Prefetto di Isernia per la risoluzione delle problematiche afferenti alla realizzazione della “Comunità alloggio per minori”. Nella stessa missiva l’Amministrazioneha manifestato “ancora una volta la più ampia disponibilità ad ascoltare le istanze del Comitato e chiarire qualsivoglia aspetto della vicenda in esame”.

Alla nota de qua non abbiamo ricevuto risposta alcuna.

E cosa rispondete alla critica secondo la quale il Comune di Sant’Agapito – ove si realizzerà identica iniziativa – a differenza di quello di Sesto Campano, avrebbe messo a disposizione della cittadinanza un’altra struttura?

ADR:rispondiamo che non ravvediamo alcuna differenza di rilievo. Anche questa Amministrazione ha messo a disposizione dei concittadini della frazione di Rocca circa mq 250 dei locali dell’ex scuola elementare, affinché siano utilizzati per le più ampie finalità sociali. Quanto innanzi è stato da subito anticipato per le via brevi al Comitato e confermato la settimana scorsa anche al Signor Prefetto 

ed alle altre Autorità. E da ultimo, tale impegno è stato anche formalizzato con apposita delibera di Giunta comunale del 2 aprile scorso.

Infine, in merito all’ultima considerazione relativa al medico condotto cosa riferite?

Siamo intimamente convinti della bontà del nostro operato. Di grazia: è scandaloso che taluno lasci un immobile pubblico occupato senza alcun contratto ed addirittura gratuitamente? Chi è remunerato, ed anche bene, per rendere un servizio ai cittadini ben deve farsi carico dei relativi costi.

Renata Cicerone (Sindaco), Lucio Fuoco, Romeo Giannini, Oreme Iannarelli, Elviro Integlia, Annamaria Macaro, Fausto Pescarino (Consiglieri comunali)