Sorbo: L'Amministrazione comunale guidata da Nicandro Cotugno non esiste più

0
1

“Venafro sarà” ormai si è trasformata in “Venafro fu”. Al di là di possibili aggiustamenti, di nuove intese che possono intervenire nei prossimi giorni e che potrebbero anche far rientrare, soltanto formalmente, la crisi politica in atto, è chiaro che il re è nudo. Nessuna cosmesi politica può ormai più nascondere il fallimento di questa amministrazione. Per quattro anni il sindaco ha cercato, spesso riuscendovi anche grazie a qualche “aiuto esterno”, di nascondere l’inconsistenza della sua azione amministrativa dietro proclami, comunicati stampa, annunci seguiti poi sempre dal nulla. Oggi il dissenso di cinque esponenti importanti dell’Amministrazione nasce proprio dalla constatazione e dalla consapevolezza che Venafro, scegliendo questa maggioranza, ha buttato via quattro anni, tanti ne sono trascorsi dall’insediamento di questa amministrazione, durante i quali non è stato risolto (e in certi casi nemmeno affrontato) nessuno dei grandi problemi che attanagliano la nostra città. Anzi, in questi anni se ne sono aggiunti molti altri che ci condannano a vivere il periodo più buio della nostra storia dal dopoguerra ad oggi. Il problema ora è capire cosa fare da qui alle prossime elezioni che, purtroppo, si terranno soltanto nella primavera del 2013. Ritengo che bisogna chiarire innanzitutto chi è in questo momento opposizione e chi è maggioranza. Spero che nel consiglio comunale che si terrà la prossima settimana qualche risposta in questo senso arrivi. Nel frattempo è mia intenzione chiedere un incontro da tenersi nelle prossime ore con i rappresentanti del gruppo de “Il Patto” e con i cinque dissidenti della maggioranza per verificare se esistono i presupposti per gestire in modo condiviso i prossimi passi da fare e per scegliere una comune “exit strategy” che ci consenta di archiviare definitivamente la triste esperienza dell’amministrazione di Nicandro Cotugno evitando ulteriori danni alla Città che ne ha subiti già troppi da chi oggi ancora è alla guida del Comune. Spero in una presa di coscienza da parte di Nicandro Cotugno. Spero che prenda atto del suo fallimento, chieda scusa alla città e si dimetta ritirandosi dalla scena politica.
Il capogruppo
Antonio Sorbo
 
Fonte : www.informamolise.com