Assalto ai distributori, benzina in esaurimento in tutta la regione

0
5

II blocco dei tir arrivato anche in Molise  sta creando disagi ai cittadini. Presidi in molte zone: Campobasso, Termoli, Isernia, Venafro e Pozzilli, Bojano, Pietracatella oltre ad aree fuori regione importanti per l’approviggionamento regionale  come Benevento e Vasto.  Dal pomeriggio di ieri sono stati presi d’assalto i distributori di carburante: ancora centinaia le auto in coda che aspettano di poter fare rifornimento, non solo nei capoluoghi di provincia ma anche nei piccoli centri dove è presente un distributore di benzina.  Gli automobilisti temono che la protesta duri tutta la settimana. Esaurito in queste ore in molti distributori il gasolio, combustibile maggiormente richiesto.Lunghe file si registrano anche lungo la Bifernina, nella zona che arriva fino a Lupara, in esaurimento anche i distributori della zona di Isernia e Venafro. Allarme sociale altissimo, prezzi del carburante alle stelle (c’è chi racconta di aver pagato la benzina a 1,85 euro al litro, più di 20 centesimi in più del normale) e grande attenzione per quello che potrebbe accadere da oggi a venerdì, quando  è stata annunciata la fine della protesta. A Termoli si registra il blocco totale dei caselli autostradali della A14 attutati dal Movimento Trasporto Fiap. La protesta sta rendendo impossibile il transito a qualsiasi mezzo pesante. Non solo molisani, ma anche camionisti delle regioni limitrofe.
A Campobasso il traffico rallentato nelle prossimità dei benzinai a causa di lunghe file di auto.  All’ingresso nord della città, si stanno schierando una serie di veicolo pesanti. La protesta contro il caro benzina ha interessato anche gli operatori del settore agricolo, che hanno portato i loro mezzi nel capoluogo.
A Isernia i distibutori sono quasi completamente a secco. Già in mattinata mancavano nei supermercati frutta e verdura. A Pozzilli i camion sono fermi ma ancora non c’è nessun blocco stradale.
fonte : www.informamolise.com