Venafro: mostra Splendori del Medioevo, occasione di rilancio per il turismo della Città

0
1

«La mostra che sarà inaugurata domenica presso il museo archeologico di Santa Chiara rappresenta per Venafro un evento culturale straordinario ma anche un’occasione di rilancio per il turismo della Città». Così, l’assessore al Turismo Adriano Iannacone che guarda alla imminente esposizione allestita dalla Soprintendenza soprattutto come evento in grado di generare un ritorno di immagine per Venafro e creare un importante flusso turisti. «La mostra “Splendori del Medioevo” presenta per la prima volta gli straordinari reperti che della storia del monastero di San Vincenzo al Volturno sono i testimoni diretti, a cominciare dalle fasi più antiche. Saranno in mostra le splendide vetrate multicolori e una sequenza di affreschi, tra cui quello con San Tommaso, restaurato per l’occasione, oltre agli abati e ai santi. Della fabbrica dell’abbazia medioevale  una serie di capitelli  decorati a stampella e i pavimenti marmorei. Nella mostra uno spazio importante è riservato ai celebri scacchi di Venafro, che avviene per la prima volta in assoluto, e riconosce alla nostra Città il ruolo di primo piano che le spetta per essere stata luogo di ritrovamento di questi importanti reperti. Gli scacchi di Venafro sono considerati, per risultato di numerosi studi scientifici, tra i più antichi d’Europa e questo conferisce alla nostra Città un primato invidiabile che, da adesso, dobbiamo cercare di sfruttare nella maniera più proficua e costruttiva possibile. Sono assolutamente d’accordo con la proposta lanciata dal Sindaco Cotugno di rivendicare a Venafro la denominazione di “Città degli Scacchi”. Venafro ha bisogno di opportunità di rilancio turistico e gli scacchi possono diventare un traino per  tutto il settore che ha da offrire certamente tanto ai visitatori, in virtù di un immenso patrimonio archeologico e artistico. Lo stesso museo archeologico che già ospita testimonianze importanti di varie epoche storiche, potrà essere una scoperta per molti, grazie a questo evento. La mostra allestita dalla Soprintendenza inoltre, che ringrazio caldamente nelle persone della Soprintendente Dott.ssa Alfonsina Russo  della Dott.ssa Quaranta, per aver creato questo evento, porta a Venafro dei reperti di grande pregio sia per il valore artistico che storico».
fonte : www.informamolise.com