Ampliamento del cimitero Zullo: plauso alla Regione ma il sindaco non può perdere un finanziamento 200mila euro

0
3

Lavori di riqualificazione del cimitero di Venafro, l’ex con-sigliere delegato Loreto Zullo attacca il sindaco Cotugno che rischia di perdere ben 200 mila euro. Zullo, tra l’altro, invita l’Amministrazione comunale ad attivare i canali necessari per recuperare duecentomila euro, derivanti dall’adeguamento dei diritti di concessione dei loculi costruiti negli anni ottanta.
E chiede anche a che punto sia il bando per l’ampliamento del lato ovest del cimitero e quello relativo ai trenta loculi da assegnare alle famiglie meno abbienti a costi ridotti.
“Fa piacere apprendere la notizia- scrive in una nota Loreto Zullo, vicino all’ex consigliere regionale Massimiliano Scarabeo-che sono stati assegnati fondi regionali per il nostro cimitero, somme stanziate anche grazie al mio lavoro kjhòljhòlijhòàlikhòlkjhòlkjhòlkjhòljhòljhòljhòjhò, ma allo stesso tempo, viene da replicare al Sindaco Cotugno come mai non si adopera per dar seguito all’ampliamento del lato est del cimitero, concludendo l’iter tecnico-amministrativo già vecchio di anni, che personalmente ho riattivato nel 2008 e del quale non si sa a che punto è arrivato. Ben venga-no dunque i finanziamenti, ci mancherebbe, ma per corret-tezza, il consigliere delegato Mascio dovrebbe dire che la somma di sessantamila Euro a cui accenna, necessaria per effettuare interventi di ri-strutturazione e migliorie al cimitero cittadino, fu a suo tempo stanziata grazie alle mie richieste e al fattivo in-teressamento dell’assessore regionale Luigi Velardi con-giuntamente al consigliere regionale Massimiliano Scarabeo.
“ La precisazione di Zullo comunque è giusta, tanto che il Quotidiano ieri ha ricordato che quei soldi erano pratiche del passato, tutte attivate dallo stesso Zullo e àòijàòkjòlkjòlkjòlkjòlkjòlkjòlkjòlkj.
Ma Zullo chiama in causa il sindaco anche per un’altra vicenda. “Ma se di soldi dobbiamo parlare- scrive ancora Zullo-, diciamo che ci sono somme ingenti da recuperare, derivanti dagli introiti per l’aumento della durata della con-cessione di oltre mille loculi costruiti negli anni ottanta, come si evince dalla delibera di giunta del 17 ottobre 2007 n. 74 dei quali, ad oggi, non è stato richiesto il pagamento dell’ade-guamento della concessione stessa, al contrario di come, in-vece, dovrebbe essere. Insomma, potrebbero entrare nelle casse comunali oltre duecentomila euro utilizzabili per met-tere in sicurezza gli stessi loculi e realizzare anche altri inter-venti. Forse è arrivato il momento di tralasciare le tante chiac-chiere e di adoperarsi per affrontare con più impegno i veri problemi della Città”. M.F
 
fonte quotidianomolise cartaceo