n

***BLITZ DEI CARABINIERI / Nucleo investigativo e nucleo operativo*** Arrestati sei spacciatori di droga a Venafro. Rifornivano anche clienti che giungevano dall’Alto Casertano a loro volta segnalati alla Procura della Repubblica

9097 5
Si tratta di una vera e propria inversione di tendenza. Prima la droga la si acquistava a Caserta, ora invece i soggetti finiti in carcere avevano creato una centrale “fai da te” che attraeva anche i soggetti delle aree dell’Alto Casertano. Sono trenta i denunciati a piede libero oltre ai sei arresti…
Dalle prime ore della mattinata, i militari del Comando Provinciale Carabinieri di Isernia, hanno dato esecuzione a sei ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP del Tribunale di Isernia, su richiesta di questa Procura della Repubblica. Le indagini che hanno portato all’operazione di questa mattina, e che si sono sviluppate nell’arco di circa un anno e mezzo, hanno permesso di smantellare un’attività criminale dedita al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti nella prov11040272_10206142648915439_1489889893_nincia di Isernia, e sono state condotte oltre che attraverso attività tradizionali quali i servizi di osservazione, pedinamento e controllo, anche con attività tecniche, quali intercettazioni telefoniche e riprese video fotografiche, per un totale rispettivamente di oltre ventimila conversazioni captate e millecinquecento ore di immagini registrate. Ai militari del Nucleo Investigativo di Isernia che hanno condotto le indagini con la fattiva collaborazione dell’Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Venafro, si sono aggiunti nell’operazione di questa mattina anche i militari della Compagnia di Isernia, supportati da unità specializzate per la ricerca di stupefacenti dei Nuclei Cinofili dell’Arma di Chieti e Napoli. In totale sono settanta gli uomini dell’Arma impiegati nell’operazione. A finire in carcere sono stati Ergys Brunga, 26enne di origine albanese, che si occupava di fornire rilevanti quantità di sostanze stupefacenti, del tipo cocaina, hashish e marijuana, delle quali si approvigionava principalmente nel napoletano e nel casertano, agli spacciatori locali, anch’essi arrestati, Franco Sarachelli, 36enne di Isernia, Cesare Spada, 35enne, Roberto De Silvio, 38enne, Pino Spada, 38enne e Vincenzo Spada, 65enne, tutti di Venafro e appartenenti a famiglie di rom stanziali. Ed erano proprio questi ultimi a gestire le piazze di spaccio tra Isernia e Venafro. E’ stato individuato un rilevante numero di acquirenti nel corso dell’attività di indagine, tra i quali purtroppo anche giovani studenti degli istituti scolastici della provincia: sei le persone arrestate in flagranza di reato e trenta quelle denunciate in stato di libertà, tutti soggetti residenti oltre che nella provincia di Isernia anche in quelle vicinorie di Caserta, Napoli, Frosinone, Campobasso, Pescara e L’Aquila. Convenzionale il linguaggio utilizzato per l’acquisto delle dosi di stupefacenti: “portami una birra” oppure “mezza birra” o “andiamoci a fare il bagno” erano alcune delle frasi captate durante le intercettazioni telefoniche, con le quali i soggetti coinvolti tentavano di criptare il discorso. Da rilevare sotto il profilo della gravità della condotta delittuosa la circostanza che per condurre le attività di spaccio al dettaglio venivano utilizzate le mogli e anche i bambini, figli minorenni degli indagati. Nel corso delle operazioni è stata inoltre data esecuzione a quindici decreti di perquisizione domiciliare emessi dall’Autorità Giudiziaria nei confronti di altrettanti indagati coinvolti a vario titolo nell’attività delittuosa. In tale contesto è stato rinvenuto e sottoposto a sequestro un ulteriore quantitativo di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, sostanze da taglio e una somma contante pari a circa 7.000 (settemila) euro quale provento dell’attività di spaccio.

fonte: paesenews.it

There are 5 comments

  1. Era ora , per troppi anni questi personaggi hanno fatto quello che volevano per le vie di venafro, era ora di finirla , grazie al nucleo operativo , state cambiando le carte in tavola , venafro con voi e con l’aiuto dei cittadini può tornare una città dove la legge esiste ..

    Arrestateli tutti a questi maiali

  2. Drakunow

    we , io accetto tutto ma evitiamo le offese per cortesia………….
    e se proprio lo volete fare, metteteci una firma

    L’ADMIN DEL SITO

  3. cittadino onesto |

    Il bello che questi esseri vengono anche mantenuti da noi cittadini onesti prendono sussidi, case, ecc. e padri di famiglia onesti e con figli non hanno nessun aiuto. Venafrani aprite gli occhi e cacciateli via dal paese questi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi