Amerigo Iannacone presenta il suo nuovo libro “C’ero anch’io – Un’autobiografia o quasi”

Sarà presentato mercoledí 17 maggio 2017, alle ore 18,00, a San Pietro Infine, Sala Convegni del Comune il nuovo libro dello scrittore venafrano Amerigo Iannacone “C’ero anch’io – Un’autobiografia o quasi” (Edizioni Eva, Venafro 2017, pp. 200, € 15,00, ISBN 978-88-97930-94-5). Parleranno del libro, dopo l’introduzione di Maurizio Zambardi, Presidente dell’Associazione “Ad Flexum”, e il saluto del Sindaco di San Pietro Infine Mariano Fuoco, i poeti Domenico Adriano e Rita Iulianis. Seguirà l’intervento dell’Autore. Moderatrice la giornalista Francesca Messina.

«L’autobiografia, – scrive Aldo Cervo in prefazione – che dagli anni della formazione da discente passa poi a quelli del ruolo docente, segue – illustrandolo – l’itinerario letterario di Iannacone, narrandone le diverse vicissitudini. E tra le vicissitudini ci trova, il lettore (accanto all’emozione della prima raccolta poetica ancora calda di tipografia), la nota introduttiva – per cosí dire – prudente del prefatore contattato; ed ancora l’ipocrisia boriosa delle grandi Case Editrici, che con belle parole di circostanza ti sbattono la porta in faccia; il comportamento ingannevole di sedicenti editori avvezzi alla frode; l’indifferenza della gente (anche di quella laureata) di fronte al dono di un libro. Ma accanto alle vicissitudini che diremo scoraggianti, piú o meno comuni un po’ a tutti gli esordienti di periferia, s’incontrano quelle che ampiamente ripagano lo scrittore molisano con gratificanti obiettivi raggiunti. E parlo della nascita dell’Editrice Eva, della fondazione di un mensile: Il Foglio volante, della promozione del premio letterario “Venafro”, della scoperta dell’Esperanto, del proliferare di amicizie feconde, durevoli per comunanza di interessi culturali ed empatia dello spirito. […] Dire che l’autobiografia è scritta bene è persino banale: come volete che sia scritto uno scritto da Amerigo Iannacone? Dirò solo che la narrazione si apre con un risveglio notturno (indotto dal sogno di un bisogno insoddisfatto) e si chiude con una splendida quanto originale analogia del genere georgico che ben riepiloga la filosofia di vita dell’autore: “C’è – scrive Iannacone – un proverbio del mio paese che dice addó arrive chiante glie pezzuche, letteralmente: ‘dove arrivo pianto il cavicchio’. Il detto non è di immediata comprensione. Deriva dal modo che si usava un tempo piantando semi col cavicchio: quando a sera si smetteva, si usava conficcare (piantare) nel terreno il cavicchio nel punto dove si era arrivati, in modo da sapere la mattina dopo da dove ripartire. Ecco: dove arriviamo piantiamo il cavicchio: che c’importa se poi saranno altri a trovare un cavicchio solitario piantato nel maggese.”»

 

Amerigo Iannacone è nato e vive a Venafro. Ha al suo attivo la pubblicazione di più di una cinquantina di libri, tra narrativa, poesia, saggistica, traduzione e altro. Tra i libri di narrativa, notevoli: “Microracconti” (1991), “A zonzo nel tempo che fu” (2002), “Cronache reali e surreali” (2008), “Dall’otto settembre al sedici luglio” (2007), “Il Paese a rovescio e altre fiabe” (2008), “Matrioska e altri racconti” (2011).

Tags
Mostra altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Close
Close

Hai qualche plugin installato che blocca il sistema pubblicitario del sito

Per visualizzare il sito disabilitalo, grazie
X